Firmato il protocollo d'intesa tra il Comune di Castelvetrano e Sicilia in Treno

Il 23 febbraio è stato formalizzato, con le firme del Sindaco della Città di Castelvetrano Selinunte, Avv. Felice Jr. Errante, e del Presidente dell’Associazione Sicilia in Treno, Ing. Andrea Bernasconi, il protocollo d’intesa tra l’Amministrazione comunale e l'Associazione Sicilia in Treno. Come sottolineato dal Sindaco in occasione della approvazione del protocollo (LINK), l’accordo è finalizzato alla realizzazione del ritorno dell’esercizio ferroviario a scopo esclusivamente turistico sulla linea a scartamento ridotto da Castelvetrano a Selinunte sino al ponte in ferro sulla foce del fiume Belìce.
La collaborazione che l’Associazione si impegna a fornire all’Amministrazione è finalizzata a definire e sviluppare tutti gli aspetti di carattere tecnico ed amministrativo per la redazione della documentazione necessaria ai fini dell’ottenimento del finanziamento per la realizzazione del progetto, tenuto conto che l’Amministrazione ha ritenuto di avviare la fase di progettazione avvalendosi della linea di finanziamento prevista nell’ambito del PO FESR Sicilia 2014/2020 - Agenda Urbana Sicilia Occidentale. L’Amministrazione ha inoltre riavviato i contatti, già intrapresi negli anni scorsi, con il Gruppo FS volti alla condivisione di questa nuova fase progettuale.

Un ferrociclo a Castelvetrano!

Pubblichiamo uno scatto realizzato ieri 15 febbraio 2017 appena fuori il deposito di Castelvetrano. Una foto piuttosto interessante perchè, aguzzando bene la vista, si può scorgere l'inconfondibile sagoma di un... ferrociclo! Il veicolo stazionava proprio di fronte le porte della rimessa a scartamento ridotto ex S.R., che ben tutti sappiamo contenere l'attuale cantiere di restauro dei mezzi della ridotta FS.

La presenza di un velorail nell'impianto era un "rumor" degli ultimi tempi, dovuto ad alcuni "indizi" lasciati in passato sul gruppo FB di Ferrovie di Selinunte. Oggi si trova conferma. Non ci è dato conoscere altri dettagli come la provenienza o lo scartamento del ferrociclo; anche se, circa quest'ultimo particolare, la presenza in quel di Castelvetrano farebbe propondere per quello ridotto. Certo, questa bella novità non può non far tornare alla mente la PdL Iacono sulle ferrovie dismesse, attualmente in via di approvazione, e in particolare i riferimenti sull'uso dei ferrocicli in essa contenuti...

Deposito di Castelvetrano - lavori sulle coperture

Appaiono ancora in itinere i lavori di manutenzione per le coperture dei fabbricati facenti parte del complesso dell'ex deposito locomotive di Castelvetrano, immobili rifunzionalizzati per permettere il restauro dei rotabili a scartamento ridotto. Ricordiamo che i locali ristrutturati tra il 2014 e il 2015 ad opera di RFI comprendono la rimessa a due vie ex Squadra Rialzo e gli annessi spogliatoi. Vi lasciamo alle immagini, scattate la settimana scorsa, dalle quali si nota un piacevole senso di ordine sul piazzale.

Leggi tutto: Deposito di Castelvetrano - lavori sulle coperture

Protocollo d’intesa tra Sicilia in Treno ed il Comune di Castelvetrano

L’Associazione Sicilia in Treno è particolarmente orgogliosa  di rendere noto che il Sindaco Avv. Felice Jr Errante ha approvato il Protocollo d’intesa con l’Associazione Sicilia in Treno.  Questa importante decisione viene in un momento in cui l'Amministrazione Comunale di Castelvetrano ha riconfermato il suo impegno per il recupero della linea FS a scartamento ridotto di Selinunte. Potete leggere il comunicato sul sito dell’Associazione Sicilia in Treno.

carro Pfv 60212 spostato nella rimessa ex S.R.

Pfv60212-spostamento

Segnaliamo con piacere che il carro a sponde basse Pfv 60212, che dalla chiusura della linea a scartamento ridotto giaceva accantonato all’aperto sul piazzale del deposito di Castelvetrano, di fronte le ex rimesse T.D., si trova da ottobre 2016 all’interno della rimessa ex Squadra Rialzo (rifunzionalizzata in modo encomiabile da Rete Ferroviaria Italiana nel 2014). Questa manovra è certamente propedeutica all’approssimarsi dei lavori di restauro. Il rotabile così risulterà, con tutta probabilità, il terzo veicolo merci a beneficiare di un completo restauro (dopo appunto la cisterna Mv 90204 e il carrello di servizio 267); una ristrutturazione - lo ricordiamo - finalizzata alla salvaguardia e alla conservazione, operazione promossa dal proprietario, Trenitalia Cargo, in sinergia con la Fondazione FS Italiane. Questa opera si inserisce nel complesso progetto di restauro (a cui hanno collaborato nel recente passato anche soci fondatori di Sicilia in Treno) che vedrà coinvolta la totalità del residuo parco a scartamento ridotto ancora esistente a Castelvetrano, rotabili che beneficiano tutti di vincolo da parte della SS.BB.CC.AA di Trapani.